Il Dolomiti Fantasy 2024 si è tenuto l’1 e il 2 giugno e si tratta di una fiera del fumetto e del videogioco a Trichiana in provincia di Belluno. L’evento è unico nel suo genere nella provincia e grazie alla sua location e dimensioni, è sempre un’ottima occasione per incontrare appassionati senza il caos soverchiante di una fiera in grandi città. Questo mio resoconto arriva tardino, ma ho avuto impegni inderogabili, non me ne abbiate male, voglio raccontarvi com’è stato il Dolomiti Fantasy di quest’anno affinché vi capiti di passare per Trichiana il prossimo anno.

Annuncio.

La fiera, come l’anno precedente, comprende tutte le aree del parco Lotto di Trichiana, con i padiglioni specializzati in diverse aree: area gaming, art district, tabletop, mercato e pure all’esterno con dimostrazioni varie tra cui arti marziali, soft air e chiaramente il palco con musica e spettacoli di vario tipo. Il meteo ha graziato l’organizzazione, salvandoci dal fango dello scorso anno ed ognuno ha potuto godersi gli spazi aperti. L’area ristoro pure era più grande offrendo varietà vegan e asiatiche oltre ai consueti piatti da fiera e panini.

L’aspetto maggiormente interessante di quest’anno erano gli ospiti nell’art district, tra i quali cito in particolare Alessandro Zurla e Luca Mazzocco, il primo doppiatore e scrittore, il secondo sceneggiatore e docente presso la scuola internazionale di comics in Padova. Gli ospiti erano comunque numerosi, questi sono quelli coi quali ho parlato maggiormente, ma nel padiglione erano tutti molto disponibili e interessanti, tra illustratori e fumettisti, vogliosi di discutere la propria e altrui arte, sia sul palchetto che alle loro postazioni. A breve sui nostri social dovreste trovare le interviste ad Alessandro Zurla e a Maurizio Merluzzo, ospite VIP dell’evento nella giornata di domenica.

Per il resto il Dolomiti Fantasy è sempre un’esperienza calorosa e intima, nella quale incontrare persone appassionate quanto voi, dedicarsi a partite a carte o su console varie, anche se un po’ mi dispiace non poter partecipare al torneo pokémon utilizzando squadre a nolo. Ci sono gli spazi e le persone giuste per condividere le proprie passioni in serenità e anche se quest’anno ero molto di fretta, l’evento è stata una pausa totalizzante e appagante. Faccio i complimenti agli organizzatori come sempre e invito tutti a considerare il Dolomiti Fantasy per il prossimo anno, perché è un evento che si merita tutto il bene del mondo.

Iscriviti
Notificami
guest

0 Commenti
Feedback in riga
Vedi tutti i commenti